Strumenti personali
» Fai fiorire l'estate ... con i Campi di condivisione!
notizie
Contatti

Progetto Giovani Valdagno
c/o Sportello Informagiovani
Palazzo Festari C .so Italia 63 - 36078 Valdagno (Vi)
tel: 0445 405308
fax: 0445 401748
email: info@progettogiovanivaldagno.it

Orario di apertura Sportello Informagiovani::
Martedì: 9.30 - 12.30
Mercoledì e Giovedì: 16.30 - 19.00
Venerdì: 10.00 - 17.00

Web 2.0
 
Azioni sul documento

Fai fiorire l'estate ... con i Campi di condivisione!

con Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII

L'Associazione Papa Giovanni XXIII cerca volontari per un'asperienza di vacanza al mare o in montagna con persone disabili.
Queste le proposte:
Campo a Tonezza: dal 29 luglio al 5 agosto (info: 345.5558935, Valentina)
Campo a Ostuni: dal 5 al 16 agosto (info: 333.2322221, Walter)
Campo a Marebello: dal 12 dal 12 al 21 agosto (info: 3200452063, Riccardo)

Di seguito una presenrazione del concetto di campo realizzata dall'Associazione Papa Giovanni XXIII

"I Campi di condivisione sono nati oltre quarant'anni fa per dare la possibilità alle persone disabili di frequentare i luoghi di vacanza in un'epoca in cui le persone con handicap erano tenute nascoste in casa o rinchiuse negli istituti.
Ancora oggi ci sono persone che non hanno la possibilità di fare una vacanza normale, inoltre i genitori, spesso anziani, hanno bisogno di un po' di riposo sollevati dal peso di accudire ai figli disabili.

La formula vincente è la condivisione diretta in cui la persona disabile mette a servizio del giovane volontario il proprio corpo e il giovane volontario mette a servizio del disabile la propria normalità , uno scoprire la profondità dei valori veri dello stare insieme al di là delle diversità fisiche o psichiche.

Il volontario non offre una prestazione, un servizio, ma vive un'esperienza di gratuità, là dove puoi arrivare tu, arrivo anch'io, poi mi fermo con te.

Non ci sono salvatori e salvati , ci si salva a vicenda.

L'età non deve essere un limite come la condizione economica, tantomeno siamo dei professionisti del sociale o dlla disabilità , solamente vogliamo divertirci insieme ,e per questo non servono i titoli di studio.Certo che ci vuole il giusto grado di maturità ,anche perchè le giornate sono impegnative anche dal punto di vista fisico e le persone disabili sono quasi tutte adulte

Per il contributo , anche qui vale la formula che il volontario non viene retribuito per una prestazione che offre , ma facciamo una vacanza insieme ,al di là delle diversità, quindi quello che paghi tu disabile è giusto che lo pago anch'io sano ,perchè la mia vacnza è uguale alla tua."

ALLEGATI

Locandina Campi di Condivisione

 

 

 

Contenuti correlati