Strumenti personali
» Lavoro » Concorsi Pubblici
Azioni sul documento

Concorsi Pubblici

Per lavorare presso Enti Locali ed Istituzioni è necessario partecipare ad una selezione pubblica che viene promossa e disciplinata tramite un bando di concorso pubblico nel quale si trovano tutte le informazioni relative ai requisiti di accesso, alle modalità di candidatura e alla tempistica di svolgimento delle prove di selezione. 

 

  • La selezione può essere di tre tipi:
Per titoli: il bando indica i titoli di studio e formativi valutabili, e il punteggio massimo attribuibile agli stessi singolarmente e per categorie di titoli.
Per esami: la graduatoria, che determina l'esito del concorso, viene formata sulla base dei risultati conseguiti in una o più prove d'esame, scritte e orali. Le prove d'esame possono peraltro essere precedute da forme di preselezione.
Per titoli ed esami: la votazione complessiva è determinata sommando il voto conseguito nella valutazione dei titoli al voto complessivo riportato nella prova d'esame.

 

  • I Requisiti
I requisiti generali per partecipare ai concorsi pubblici sono la cittadinanza italiana o comunitaria, l'idoneità fisica

In ottemperanza alla legge 15 maggio 1997, n.127 - Legge Bassanini, la partecipazione ai concorsi indetti da pubbliche amministrazioni non è soggetta a limite di età, salvo deroghe dettate da regolamenti delle singole amministrazioni e connesse alla natura del servizio oppure a oggettive necessità dell'amministrazione.
In relazione ai profili professionali ricercati le Amministrazioni Pubbliche possono richiedere il possesso di specifici requisiti, in aggiunta a quelli generali.
Normalmente riguardo al titolo di studio possono essere previste delle "equipollenze" ovvero, il tuo titolo di studio può essere equivalente a quello richiesto dal bando di concorso. Per verificarlo puoi consultare la pagina "equipollenze dei titoli accademici" sul sito dell'Informagiovani di Rovigo.

  • la domanda di ammissione

La domanda di ammissione al concorso va redatta in carta semplice secondo lo schema allegato al singolo bando. Essa deve essere presentata direttamente o inviata a mezzo di raccomandata con avviso di ricevimento entro il termine pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale o sui Bollettini. Di norma il termine è di 30 giorni.
La data di spedizione della domanda è comprovata da timbro dell'ufficio postale accettante.
Per quanto riguarda i documenti da allegare alla domanda, ci si può avvalere dell'autocertificazione e della dichiarazione temporaneamente sostitutiva.

  • le figure richieste

Fra le figure più richieste nei bandi di concorso si trovano:
Istruttore Direttivo: gestisce e coordina un gruppo di lavoro. Ha responsabilità di gestione e risultato. Titolo di studio richiesto: diploma di laurea.
Istruttore Amministrativo: ha il compito di istruire le pratiche, cioè di raccogliere, elaborare e definire le attività proprie dell'ufficio seguendo le direttive date dall'istruttore direttivo. Titolo di studio richiesto: diploma di maturità.      
Collaboratore Amministrativo: collabora all'istruzione delle pratiche proprie dell'ufficio a cui è assegnato e appartiene alla categoria B (la categoria B individua i lavoratori che svolgono attività caratterizzate da conoscenze specialistiche a contenuto operativo e responsabilità di risultati parziali rispetto a processi amministrativi più generali). Titolo di studio richiesto: per B1 licenza di scuola dell'obbligo e attestato di qualifica professione, per B3 diploma di maturità.

 

  • Dove informarsi

Per cercare un bando di concorso puoi consultare diversi strumenti, nessuno, purtroppo, è completo:
Gazzetta Ufficiale Concorsi ed Esami  - 4a Serie Speciale - Concorsi. Esce il martedì e il venerdì;
Bollettino Ufficiale Regionale: nell'edizione del venerdì, il BUR ospita la sezione concorsi a livello regionale. 

Altri siti utili:


NB: Puoi inoltre consultare i bandi visitanto i siti dei singoli enti.