Strumenti personali
» Lavoro » Imprenditoria
Azioni sul documento

Imprenditoria

Avviare un'attività imprenditoriale non è cosa semplice, ma è strategico per lo sviluppo economico e sociale della comunità. Non solo, l'Europa con la strategia 2020, punta a rilanciare nel prossimo decennio l'economia continentale, ma anche il Governo italiano, le Regioni e gli Enti presenti sul territorio stanno attuando misure di finanziamento e supporto a quelle persone, in particolare giovani e donne, che intendono mettersi in proprio e creare per sè e per altri opportunità lavorative.

Ma andiamo con ordine e vediamo dove è possibile recuperare informazioni utili per avviare una propria attività.

www.cliclavoro.gov.it il portale pubblico per il lavoro istituito per facilitare la conoscenza del Mondo del Lavoro da parte dei cittadini, offre diversi spunti in merito a cosa significa autoimprenditorialità (la capacità di creare iniziative imprenditoriali che incidono nello sviluppo economico e sociale del territorio) e autoimpiego (lavoro autonomo in microimpresa o franchising), quali leggi le regolamentano e disciplinano questo ambito, quali adempimenti sono necessari per avvare la propria attività, ad es. codificazione dell'attività, regime fiscale, partita IVA, INAIL, INPS, ecc., e presso quali uffici recarsi per provvedere a tutto ciò (Camere di Commercio, Agenzia delle Entrate, etc.).

www.cliclavoro.gov.it inoltre offre indicazioni anche su altre forme imprenditoriali di sviluppo e innovazione come le startup. Anch'esse normate da una legge recente, Legge 17 dicembre 2012 n.221, con modificazioni, del D. L. n. 179/2012, hanno caratteristiche precise e si contraddistinguono per il carattere innovativo e propulsivo della proposta imprenditoriale che può essere applicata in qualunque campo o settore produttivo, compreso quello social.

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha previsto per queste imprese tutta una serie di agevolazioni e supporti, quali ad esempio una procedura semplificata di riconoscimento sul Registro delle Imprese, il riconoscimento degli incubatori (società che offrono agli statupper servizi di supporto alla nascita e allo sviluppo delle loro imprese), agevolazioni fiscalifinanziamenti. Soprattutto questi ultimi sono di recente approvazione (Decreto Ministeriale del 24 settembre 2014 e Circolare del 10 dicembre 2014), e prevedono finanziamenti a tasso zero a copertura del 70-80% delle spese sostenute, programmi di tutoring e servizi specialistici utili anche all'internazionalizzazione. Per promuovere la nascita e lo sviluppo delle startup italiane e dare accesso ai finanziamenti è stato predisposto il sito www.smartstart.invitalia.it/site/smart/home.html attraverso il quale è possibile inviare la propria richiesta di finanziamento che verrà esaminata in base all’ordine di arrivo (non ci sono graduatorie). La dotazione finanziaria è di oltre 200 milioni di euro, gli incentivi verranno erogati fino a esaurimento dei fondi.

In Veneto sono presenti 3 incubatori certificati: il Parco scientifico e tecnologico VEGA (Venezia) , l’ H-Farm S.r.l. (Treviso)  e M31 Italia S.r.l. (Padova).


A chi rivolgersi in provincia di Vicenza

La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Vicenza promuove e coordina, attraverso la Fondazione Giacomo Rumor - Centro Produttività Veneto, uno sportello gratuito di informazione, orientamento, formazione rivolto a tutti coloro che hanno un'idea imprenditoriale e non sanno come avviarla e svilupparla, il Servizio Nuova Impresa al quale è possibile rivolgersi in Via Eugenio Montale, 27 - 36100 Vicenza

Recapiti: tel. 0444 994745 email SNI@cpv.org